Itinerario Mariano 2024: “PENSIERI SU MARIA” – Giorno 24

La Donna del Golgota

 

Gesù doveva portare a compimento tutto quello che di Lui avevano preannunziato i profeti. Particolarmente Isaia aveva detto: «Egli si è caricato delle nostre sofferenze, si è addossato i nostri dolori… Egli è stato trafitto per i nostri delitti, schiacciato per le nostre iniquità» (Is 53).

Maria, certamente, conosceva bene quella profezia. Tante volte se l’era ripetuta durante gli anni vissuti con Gesù sotto lo stesso tetto.

Ora toccava alla Madre assistere al compimento della totale immolazione. Non poteva e non doveva venir meno in quel momento e non per garantire una assistenza momentanea ma per vivere pienamente associata nella continuità del mistero per il quale giovane donna era stata scelta, per garantire la continuità del mistero. «Col concepire Cristo, generarlo, nutrirlo, presentarlo al Padre nel tempio, soffrire col Figlio suo morente in croce, cooperò in modo tutto speciale all’opera del Salvatore, coll’obbedienza, la fede, la speranza e l’ardente carità, per restaurare la vita soprannaturale delle anime» (LG n. 61).

 

Non abbiamo, Madre,

la forza di stare al passo con Gesù

che sale il monte Calvario

per essere crocifisso.

Spesso appesantiamo la sua croce

con i nostri peccati.

Insegnaci, Madre, la via del puro amore

verso Gesù, il Figlio tuo adorato!

Potrebbe interessarti